home page aedilitia

ITC CNR

ITC CNR formazione

Contatti

Credits

Link

Mappa sito

Help

SITO A CURA DI ITC - CNR E DEL MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE

D.G. SVILUPPO PRODUTTIVO E COMPETITIVITA'

IN COLLABORAZIONE CON ANCE, FINCO E UNI

IN EVIDENZA

CPD

SERVIZI ITC

 
 

 

Tutti pronti è arrivato il CPR

 

Il 1 luglio 2013, come ormai noto agli operatori del settore, la Direttiva 89/106 CEE “Prodotti da costruzione” (CPD) ha lasciato definitivamente il posto al Regolamento (UE) N. 305/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 marzo 2011 (CPR). In realtà, il CPR nella sua interezza, è entrato in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione in GUUE (24 aprile 2011) come specificato al primo punto dell’art. 68 ma il punto successivo dello stesso articolo stabilisce che gli articoli da 3 a 28, da 36 a 38, da 56 a 63, gli articoli 65 e 66 nonché gli allegati I, II, III e V si applicano dal 1 luglio 2013. Tra gli articoli entrati in vigore alla fine di aprile del 2011, oltre ai primi due di ordine generale (oggetto e definizioni), rientrano le disposizioni concernenti la designazione dei TAB, delle autorità notificanti e degli organismi notificati, nonché l'istituzione di un'organizzazione dei TAB e del comitato permanente per le costruzioni, che costituiscono la messa a punto del quadro generale atto a consentire il corretto funzionamento del CPR e la piena applicabilità di tutti gli articoli. Oltre a ciò, il periodo transitorio di cui all’articolo 68, si è reso necessario per l’adozione, da parte della Commissione, degli atti delegati e degli atti d’esecuzione, strumenti che concorrono alla realizzazione degli obiettivi del Regolamento.

Il REGOLAMENTO UE/305/2011 del Parlamento europeo ha fissato le condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione ed ha abrogato la direttiva 89/106/CEE. I concetti chiave del CPR

Anche il CPR, come la CPD, si propone di abbattere le barriere tecniche al commercio dei prodotti da costruzione all'interno dello Spazio Economico Europeo (SEE). Per raggiungere gli obiettivi, il CPR si avvale di quattro elementi principali:

 • un sistema di specifiche tecniche armonizzate

 • un sistema concordato di valutazione della conformità per ogni famiglia di prodotti

 • una rete di organismi notificati

 • la marcatura CE dei prodotti.

Il periodo transitorio e la dichiarazione di prestazione In linea con la filosofia di base che pone al centro del Regolamento il concetto di prestazione, in omaggio ai principi della better regulation (chiarezza, armonizzazione, semplificazione, ecc.) ciò che, a partire dal 1 luglio, realmente impatta il mondo produttivo è la dichiarazione di prestazione. La Dichiarazione di Conformità alla norma pertinente o all’ ETA lascerà il passo alla Dichiarazione di Prestazione (DoP) e il Produttore, dal 1 luglio, deve redigerla, seppur utilizzando Certificati e Rapporti di prova rilasciati in ambito CPD. Il format della DoP costituisce l’Allegato III del CPR ed introduce una serie di informazioni che conferiscono maggiore chiarezza e completezza a favore dell’utente finale.

 

 

NB: STIAMO AGGIORNANDO E RICOSTRUENDO AEDILITIA PER ADATTARLA AL CPR E SARA' PRESTO DISPONIBILE LA GUIDA AL NUOVO REGOLAMENO